Ponte Morandi, Vigili del Fuco: "Amianto tra le macerie"

C’è presenza di amianto tra i detriti del viadotto Morandi di Genova, che mette a rischio la salute pubblica e quella dei soccorritori che sono i primi esposti.

C’è presenza di amianto tra i detriti del Ponte Morandi di Genova, che mette a rischio la salute pubblica e quella dei soccorritori che, nel caso dei vigili del fuoco, sono i primi esposti a eventuali contaminazioni”. A renderlo noto è Costantino Saporito, coordinatore nazionale del sindacato dei Vigili del fuoco.

“Fino alla fine degli anni Novanta, sappiamo che l’amianto era una presenza rilevante nella costruzioni e da Amatrice in poi in caso di terremoti o crolli di edifici con sospetta presenza di amianto, le procedure per la salvaguardia non vengono applicate. Questo vale anche per Genova, oggi, che dal crollo del ponte Morandi è immersa in uno scenario fatto di polveri e detriti. È risaputa la pericolosità che ciò comporta – aggiunge Costantino Saporito  – sia nel trasporto dei detriti dalle polveri di amianto, che se non trattate con la giusta precauzione possono inquinare area intere della città. Con effetti deleteri per la popolazione. I vigili del fuoco, attualmente in prima linea sono esposti a eventuali pericoli che in aggiunta al fatto che gli stessi sono gli unici lavoratori senza Inail, crea di fatto una miscela esplosiva e mortale. Questo la dice lunga su come le istituzioni anno tutelato negli anni gli ‘angeli del soccorso'”.

Copyright © 2018  ASSA S.r.l. P.Iva 09481851005. 
Diritti Riservati. Cookies e Privacy