20Lug 2015

Per rifiuti si intendono “tutte quelle sostanze o oggetti che derivano da attività umane o da cicli naturali, di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l’obbligo di disfarsi”.

Quest’ultimi si dividono in diverse categorie e, in base al loro grado di pericolosità, vanno trattati in modo differente. Per quanto concerne il trattamento di materiali pericolosi – amianto, RAAE, rifiuti chimici ecc.. – è necessario rivolgersi ad uno specialista del settore, come Assa, operatore ecologico che esercita su Roma, per procedere con il loro trasporto e smaltimento.

Ogni materiale si classifica sotto una specifica categoria.
Di seguito uno schema generale per differenziare le varie tipologie di rifiuti.

Rifiuti urbani

Possiamo annoverare tra i rifiuti urbani: rifiuti domestici anche ingombranti; rifiuti provenienti dalla pulizia delle strade; rifiuti di qualunque natura o provenienza, giacenti sulle strade ed aree pubbliche; rifiuti vegetali provenienti da aree verdi, quali giardini, parchi e aree cimiteriali.

Rifiuti speciali

Sono annoverati in questa categoria: rifiuti da lavorazione industriale; rifiuti da attività commerciali; rifiuti derivanti dall’attività di recupero e smaltimento di rifiuti, i fanghi prodotti da trattamenti delle acque e dalla depurazione delle acque reflue e da abbattimento di fumi; rifiuti derivanti da attività sanitarie; i macchinari e le apparecchiature deteriorati ed obsoleti; veicoli a motore, rimorchi e simili fuori uso e loro parti.

Rifiuti urbani pericolosi (RUP)

In questa categoria sono riportate tutte quelle sostanze che, pur avendo un’origine civile, contengono al loro interno un’elevata dose di sostanze pericolose e che quindi devono essere gestiti diversamente dal flusso dei rifiuti urbani “normali”. Tra i RUP, i principali ci sono i medicinali scaduti e le pile.

Rifiuti speciali pericolosi

In questa sezione sono annoverati i rifiuti generati dalle attività produttive che contengono al loro interno un’elevata dose di sostanze inquinanti, motivo per cui è necessario renderli innocui. Nello specifico possiamo trovare: raffinazione del petrolio; processi chimici; industria fotografica; industria metallurgica; oli esauriti; solventi; produzione conciaria e tessile; impianti di trattamento dei rifiuti; ricerca medica e veterinaria.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *