02Feb 2016

Da nord a sud si susseguono iniziative lodevoli di gestione del problema amianto. È notizia delle ultime ore quella che vede due comuni, Brindisi e Cherasco, impegnati nel censire gli edifici contenenti amianto (il primo) e avviare un’attività di bonifica gratuita (il secondo). Di seguito le due iniziative:

L’Iniziativa di Brindisi

Il Sindaco di Brindisi ha ordinato a tutti i proprietari e/o amministratori di beni mobili ed immobili nei quali siano presenti materiali contenenti amianto, nonché ai titolari o rappresentanti di attività produttive, di provvedere entro il termine perentorio di 90 giorni dalla data di pubblicazione della prima ordinanza (20/01/2016), a compilare e inviare la scheda di autonotifica per il censimento degli edifici con presenza di materiali contenenti amianto utilizzando l’apposito modello fornito dal Comune.

L’Iniziativa di Cherasco

Il Comune di Cherasco intende partecipare al bando della Regione Piemonte che concede contributi a fondo perduto per il trasporto e lo smaltimento di piccoli manufatti in amianto dei privati cittadini. Pertanto chi fosse in possesso di: lastre ondulate di copertura, canne fumarie e tubi, cisterne e vasche, vasi e altri manufatti in amianto può far pervenire apposita  comunicazione agli uffici comunali competenti. I piccoli quantitativi di amianto che saranno stati dichiarati, verranno prelevati, trasportati e smaltiti gratuitamente dal Comune.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *