23Mar 2016

L’INAIL ha recentemente pubblicato una circolare esplicativa, sotto forma di FAQ, relativa al Bando di finanziamento a fondo perduto per progetti migliorativi delle condizioni di sicurezza sul lavoro.

Finanziamento ad imprese non proprietarie dei locali di lavoro

Sono finanziabili gli interventi su ambienti di lavoro anche se l’impresa non è proprietaria dei locali, chiarisce prioritariamente l’istituto, evidenziando che “il requisito generale è il miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza dei lavoratori rispetto alle condizioni preesistenti”.

“È pertanto ininfluente il fatto che l’azienda eserciti la propria attività in locali di cui è proprietaria o in locali che abbia in uso a titolo di locazione, comodato o simili. Resta fermo il vincolo del mantenimento almeno biennale dei beni acquistati o realizzati, per cui al momento della presentazione della domanda l’impresa dovrà valutare se tale condizione potrà essere rispettata, in considerazione del prevedibile periodo di occupazione dei medesimi locali”.

I chiarimenti sulla bonifica amianto

Quanto agli interventi relativi a progetti di bonifica da materiali contenenti amianto, l’Istituto precisa che “nel caso di interventi di sostituzione delle coperture in cemento amianto, i costi relativi alla posa in opera del materiale sostitutivo sono compresi tra quelli finanziabili. Le spese di posa in opera della nuova copertura rientrano infatti tra quelle indispensabili alla completezza dell’intervento”.

“L’unica limitazione posta riguarda il costo del materiale sostitutivo, che viene computato nella misura massima di 25 euro per metro quadro di copertura rimossa e da sostituire. Nei preventivi presentati in caso di superamento del click-day dovranno quindi essere evidenziati i costi relativi all’acquisto del materiale sostitutivo delle coperture rimosse”.

Nel caso in cui la superficie della copertura sostitutiva ecceda quella della copertura il materiale contenente amianto preesistente, nel computo delle spese di progetto si terrà conto unicamente della porzione riferibile alla sostituzione della copertura rimossa. La porzione eccedente sarà quindi interamente a carico del richiedente.

Clicca qui per scaricare l’elenco completo delle FAQ pubblicate dall’INAIL.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *