13Lug 2015

L’amianto è un materiale nocivo per la salute dell’uomo e ormai bandito in Italia dal 1992, ma la sua presenza non è stata ancora totalmente cancellato a causa dell’impiego massiccio che ne è stato fatto negli anni del boom.

Nel caso in cui ci si trovi in presenza di questa sostanza è necessario rivolgersi ad una ditta autorizzata per la sua rimozione, come Assa per il territorio di Roma.

Cosa fare in presenza di amianto

La presenza di amianto nel nostro Paese è ancora massiccia a causa dell’uso sproposito che se ne è fatto nel passato, incentivato dalle molteplici qualità di questo materiale, come la resistenza alla trazione e all’usura.

Impiegato soprattutto nel settore edile e industriale, deve essere rimosso con cautela attraverso tre possibili metodi, a seconda della friabilità del materiale: bonifica tramite rimozione, incapsulamento o confinamento.

Nel caso in cui si riscontri la presenza di amianto occorre procedere attraverso tre passaggi: incaricare un responsabile per le attività di controllo e coordinamento della manutenzione; tenere una documentazione relativa all’ubicazione dei materiali contenenti amianto; garantire l’informazione agli occupanti.

Una volta in possesso di queste informazioni basilari è opportuno rivolgersi ad una ditta autorizzata per mappature, sopralluoghi, preventivi, campionamento, analisi chimiche, monitoraggio ambientale, valutazione del rischio, attività di rimozione, incapsulamento o rimozione in conformità con il Decreto D.M.06/09/1994, il tutto nel pieno rispetto delle norme di sicurezze previste dal D.Lgs 81/2008. Sul territorio romano Assa Ambiente e Costruzioni risulta tra le aziende più qualificate.

A tua disposizione per liberarti dall’amianto.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *