01Mar 2016

Tonnellate di amianto in un’azienda riconducibile alla famiglia Bin Laden. E’ quanto scoperto dalla Guardia di Finanza di Sarzana, in Liguria, che hanno sequestrato un’area industriale di 20 mila metri quadrati la cui proprietà sarebbe riconducibile alla famiglia di Osama Bin Laden, il terrorista ideatore dell’attacco delle Torri Gemelle, ucciso dagli agenti anti terrorismo Usa.

Nei guai sono finiti gli amministratori di Mg, azienda del settore del marmo che opera a Carrara ed è proprietaria della zona, guidata dal siriano Mohamed Idriss e dal libanese George amil Saade, amministratore di una società di diritto cipriota, la Cpc Marble & Granite Ltd, legata appunto ai Bin Laden.

Il complesso, costruito tra gli anni 80 e 90, è stato utilizzato in passato per lavorare il marmo. Nel 2012 era stato incluso nella fusione societaria con una azienda di Carrara dedita al commercio dello stesso materiale. Il materiale che rivestiva il capannone principale, in eternit, ha poi iniziato a sgretolarsi e il comune di Castelnuovo ha emesso un’ordinanza contro la società di Carrara.

>Fonte: ilgiornale.it<

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *