21Mar 2018

Una cantante, una flautista, un pianista, attrezzisti e tecnici: sono queste le mansioni dei lavoratori del Teatro alla Scala di Milano che hanno perso la vita a causa delle fibre di amianto, respirate su uno dei palcoscenici più noti al mondo. 
Sarebbero 10 i decessi e circa 20 gli ammalati tra le persone che hanno lavorato al Teatro tra gli anni 70 e il 2009, anno in cui il teatro fu ristrutturato. L’amianto era ovunque: nei proiettori, nei lampadari, nella volta del soffitto e addirittura nel sipario che separava artisti e pubblico. Pubblico per il quale si teme ci possa essere stata contaminazione. 

Sono 5 infine gli ex dirigenti a processo: l’accusa è di omicidio colposo plurimo