03Mar 2017

L’insieme degli alloggi popolari in Italia rappresenta un patrimonio di circa 1.000.000 di appartamenti, parte dei quali ad oggi hanno necessità di una messa a norma degli impianti e di interventi di risanamento più o meno consistenti, tanto da rappresentare una situazione molto diversificata.

Con la Legge di Stabilità 2016 il Governo ha deciso di dare priorità al recupero del patrimonio residenziale pubblico attraverso interventi di ristrutturazione mirati, per migliorare le condizioni degli alloggi popolari. L’obiettivo, indicato dal Ministro Graziano Delrio, è di azzerare gli alloggi vuoti e risanare gli alloggi in cattivo stato entro il 2020. Pertanto è stato chiesto alle Regioni di indicare, per i loro territori,  il numero e lo stato  degli alloggi per i quali è necessario intervenire.

È emerso che 5.767 alloggi sono vuoti a causa di piccoli  danni o problemi, che però ne compromettono l’abitabilità e circa 42.000 alloggi sono in cattivo stato e necessitano di opere di risanamento e manutenzione straordinaria più importanti.

Per agire in modo rapido ed efficiente si è scelto di suddividere gli elenchi degli alloggi inviati dalle Regioni in due tipologie di intervento :

  • Recuperare gli alloggi vuoti a causa di piccoli  danni o problemi che però ne compromettono l’abitabilità, ai quali sono stati destinati finanziamenti fino a 15.000 € per intervento, da attuare con la massima urgenza.
  • Risanare e mettere a norma gli alloggi in cattivo stato per i quali si rende necessaria una manutenzione straordinaria più impegnativa e per ciascuno di questi è disponibile uno stanziamento fino a 50.000 €.

Saranno erogati alle Regioni circa 500 milioni di euro interamente dedicati al recupero dell’edilizia residenziale pubblica.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *